18° Meeting Internazionale Multikulturalità AMCM 10-11 MAGGIO 2024 Salone delle Bandiere del Comune di Messina

PARTENARIATO INTERNAZIONALE MULTIKULTURALITA' AMCM ASSOCIAZIONE MULTI CULTURALE MONDIALE

ASSOCIAZIONE RICONOSCIUTA NO-PROFIT - C.F. 97044410831

   



DENOMINAZIONE PROGETTO  

“PROGETTO INTERNAZIONALE MULTIKULTURALITÀ AMCM” ( Delibera del Consiglio Direttivo AMCM n. 17 del 25 Marzo 2013 ratificata a Malta )

PRESENTAZIONE

La Multikulturalità è per noi il rapporto di Amore (γάπη) tra i Popoli del Mondo, tradotto in amicizia. Per capire la multiculturalità qui è necessario fare un ulteriore passo. L’uomo vuole conoscere – vuole verità. Verità è innanzitutto una cosa del vedere, del comprendere, della theoría, come la chiama la tradizione greca. Ma la verità non è mai soltanto teorica. Il semplice sapere, rende tristi. E di fatto – chi vede e apprende soltanto tutto ciò che avviene nel mondo, finisce per diventare triste. Ma verità significa di più che sapere: la conoscenza della verità ha come scopo la conoscenza del bene.

Questo è anche il senso dell’interrogarsi socratico:1) Qual è quel bene che ci rende veri? La verità ci rende buoni, e la bontà è vera.

Nel medioevo c’è stata una disputa approfondita sul rapporto tra teoria e prassi, sulla giusta relazione tra conoscere ed agire.
Come una ragione si dimostra ragione vera? In ogni caso, si rende in base a ciò evidente che, nella ricerca del diritto della libertà, della verità della giusta convivenza devono essere ascoltate istanze diverse rispetto a partiti e gruppi d’interesse, senza con ciò voler minimamente contestare la loro importanza. Torniamo così alla struttura del Progetto AMCM sull’essere uomo nella sua totalità e con ciò il compito di tener desta la sensibilità per la verità. Si potrebbe dire addirittura che questo è il senso permanente e vero: essere custodi della sensibilità per la verità, non permettere che l’uomo sia distolto dalla ricerca della verità. Ma come possono esse corrispondere a questo compito? Questa è una domanda per la quale bisogna sempre di nuovo affaticarsi e che non è mai posta e risolta definitivamente. Così, a questo punto, neppure io posso offrire propriamente una risposta, ma piuttosto un invito a restare in cammino con questa domanda – in cammino con i grandi che lungo tutta la storia hanno lottato e cercato, con le loro risposte e con la loro inquietudine per la verità, che rimanda continuamente al di là di ogni singola risposta.
Il Progetto, sempre alla ricerca continua di nuove dimensioni del sapere, che sono valorizzate soprattutto in due grandi ambiti. In questo sviluppo si è aperta all’umanità non solo una misura immensa di sapere e di potere; sono cresciuti anche la conoscenza e il riconoscimento dei diritti e della dignità dell’uomo, e di questo possiamo solo essere grati. Ma il cammino dell’uomo non può mai dirsi completato e il pericolo della caduta nella disumanità non è mai semplicemente scongiurato: come lo vediamo nel panorama della storia attuale! Il pericolo del mondo occidentale è oggi che l’uomo, proprio in considerazione della grandezza del suo sapere e potere, si arrenda davanti alla questione della verità. E ciò significa allo stesso tempo che la ragione, alla fine, si piega davanti alla pressione degli interessi e all’attrattiva dell’utilità, costretta a riconoscerla come criterio ultimo. Pertanto, esiste il pericolo che la filosofia, non sentendosi più capace del suo vero compito, si degradi in positivismo; che la teologia col suo messaggio rivolto alla ragione, venga confinata nella sfera privata di un gruppo più o meno grande. Nella consapevolezza tuttavia del desiderio sincero coltivato dalla grande maggioranza di Dirigenti Scolastici, Direttori Amministrativi e Docenti qui presenti di una parola culturalmente significativa, da cui trarre indicazioni stimolanti nel personale cammino di ricerca della verità, con l’auspicio che in esso tutti possano trovare spunti per arricchenti riflessioni ed approfondimenti.
L’amorevolezza del rapporto umano tra i popoli del mondo, come valore comune condiviso, per Noi è Multikulturalità. Poiché riteniamo di porre, anche quest’anno, il cardine del Progetto Internazionale Multiculturalità AMCM, sul lavoro scolastico, come valore comune condiviso, che se svolto con amore, diventa edificante sia per gli studenti che per i discenti. Numerose definizioni di educazione multiculturale sono state proposte o sposate da studiosi, ricercatori e organizzazioni nel corso degli ultimi 30 anni. Per aiutare i dirigenti scolastici e docenti a comprendere e attuare l'educazione multikulturale, l'AMCM Associazione Multi Culturale Mondiale pone l'educazione multikulturale, alla base di qualsiasi rapporto pedagogico tra il docente ed il discente. L’educazione multiculturale è un concetto filosofico costruito sugli ideali di libertà, giustizia, uguaglianza, equità e dignità umana, come riconosciuto in vari documenti. Basti menzionare: la Dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti; le costituzioni del Sud Africa e Stati Uniti; la Dichiarazione Universale dei diritti dell'uomo adottata dalle Nazioni Unite. A tal proposito, affermiamo che, quindi, qui, la nostra necessità di preparare gli studenti per le loro responsabilità in un mondo interdipendente, riconoscendo alle Scuole il ruolo che può svolgere nello sviluppo delle attitudini ed i valori necessari per una società democratica in tutti i campi: dalla cultura (scuola e università) al Commercio (Aziende e Imprese) e all’Economia Politica (Enti Territoriali ed Istituzioni Governative). In tal modo, i valori delle differenze culturali e il pluralismo afferma che gli studenti, le loro comunità, e gli insegnanti debbano riflettere. Il percorso formativo – didattico -pedagogico, contesta ogni forma di discriminazione nelle scuole e nella società attraverso la promozione dei principi democratici di giustizia sociale. L’educazione multiculturale, che si attuerà attraverso il progetto internazionale multikulturalità AMCM è un processo che permea tutti gli aspetti delle pratiche non solo della Scuola, ma in tutti gli ambiti territoriali, affinché le politiche e l'organizzazione possano garantire i massimi livelli di successo scolastico per tutti gli studenti. Esso aiuterà gli studenti a sviluppare un positivo concetto di sé, fornendo la conoscenza delle storie, culture, e ai contributi di gruppi diversi. Si proporrà a tutti gli studenti di lavorare attivamente verso l'uguaglianza strutturale in organizzazioni e istituzioni, fornendo le conoscenze, le disposizioni e le competenze.

 ISTITUTI COMPRENSIVI

L’educazione multiculturale proposta, sosterrà la convinzione che gli studenti e le loro storie di vita e di esperienze devono essere posto al centro del processo di insegnamento e di apprendimento attraverso la pedagogia sociale che si attuerà in un contesto che è familiare a studenti e che affronta molteplici modi di pensare. Inoltre, gli insegnanti e gli studenti potranno analizzare criticamente le relazioni di oppressione e di potere nelle loro comunità, della società e del mondo. Il docente dovrà essere multi culturalmente corretto, svolgendo il proprio lavoro scolastico straordinariamente bene e che sia capace di includere e abbracciare le famiglie e le comunità a creare un ambiente che è favorevole a molteplici prospettive, esperienze democratiche. L’educazione multiculturale, si potrà attuare nelle scuole, attraverso il Progetto Internazionale Multikulturalità AMCM grazie alla autonomia scolastica acquisita in questi ultimi anni entrando a far parte a pieno titolo del POF Piano dell’offerta formativa della Scuola, fornendo non soltanto un bagaglio culturale ineguagliabile ma finalizzando gli obiettivi culturali al pieno raggiungimento delle finalità progettuali. Infatti il Progetto Internazionale Multikulturalità già da molti anni trova la piena attuazione anche negli Istituti Comprensivi: scuola media, scuola primaria, scuola dell’infanzia. Lo strumento usato per raggiungere gli obiettivi progettuali sia a Malta che a Taormina è la conoscenza della lingua inglese intesa come lingua mondiale per interagire a livello multiculturale con tutti i Popoli del Mondo. La conoscenza della lingua inglese multiculturale a livello interdisciplinare viene portata avanti all'interno delle 43 ore di formazione suddivise tra mattino con n. 4 ore in aula per continuare nel pomeriggio con altre n. 4 ore all'esterno durante le escursioni multiculturali a carattere interdisciplinare con tutte le materie facenti parte del piano di studi degli Istituti Comprensivi a partire dal secondo ciclo della scuola primaria e finire con le tre classi della scuola media ove saranno raggiunti pienamente le finalità progettuali.

ISTITUTI SUPERIORI

 Il PCTO  ex alternanza scuola lavoro a Malta e a Taormina per gli istituti Superiori è il cardine del progetto perché mira alla formazione d'impresa attraverso il percorso PEDAGOGICO innovativo denominato SCHOOL OF ENTERPRISE e dopo tre anni di sperimentazione, entra a pieno titolo nelle Istituzioni Scolastiche di Istruzione Superiore, realizzando nel biennio percorsi didattico-pedagogico personalizzati all’indirizzo di studi e per gli studenti del triennio sarà anche arricchito dalla SCUOLA DI IMPRESA  inserita a pieno titolo nel PCTO di cui alla Legge 107/2015. In questo contesto costruttivo i dirigenti scolastici potranno operare adeguatamente in simbiosi con l’equipe pedagogica che viene formata e aggiornata annualmente nel corso del Meeting Internazionale Multikulturalità svolto dai docenti istituiti all’uopo e coordinati dal docente referente designato dal dirigente scolastico, che saranno referenti del Progetto Internazionale Multikulturalità AMCM. Infatti la loro professionalità sia dal punto di vista didattico che dal punto di vista amministrativo e contabile, permetterà un’ampia diffusione nel territorio in tutti i campi. Alle Istituzioni Scolastiche di ogni Ordine e Grado offrirà una offerta formativa ineguagliabile che per gli istituti di istruzione primaria e secondaria di primo grado offrirà un percorso didattico a carattere pedagogico che si svilupperà attraverso la didattica individualizzata in tutte le materie. Invece per gli Istituti di Istruzione Superiore, Licei, Istituti Industriali, Istituti Tecnici, Istituti Professionali di qualsiasi indirizzo di studio offrirà non soltanto una preparazione omnicomprensiva verticale e orizzontale a carattere sociologico utilizzando la lingua inglese come lingua comune mondiale per interagire nel mondo, ma offrirà gli elementi utili affinché tutti gli studenti di qualsiasi livello, potranno raggiungere anche obiettivi imprenditoriali (Legge 107/2015 MIUR) attraverso il Progetto di Crea l’Impresa, ma anche finalità di inserimento nel Mondo del Lavoro in modo duratura e definitivo attraverso la formazione di cooperative imprenditoriali che gli permetteranno di operare a pieno titolo sia in Italia che nel resto del mondo. Trova anche piena applicazione il Decreto Legislativo n. 62 del 13 aprile 2017 inerenti ai decreti attuativi della Legge 13 luglio 2015 n. 107 negli Istituti Superiori, negli Istituti Comprensivi, nella scuola primaria e nella scuola dell'infanzia, attraverso le norme in materia di valutazione e certificazione delle competenze del primo ciclo ed Esami di Stato, a norma dell'art. I, commi 180 e 181, lettera i) della legge 13 luglio 2015, n. 107, pubblicati sulla GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA N. 23/L DEL 16 MAGGIO 2017. Infatti riteniamo che l’educazione multiculturale, debba essere un percorso di formazione mentale e allo stesso tempo deve pervadere tutti gli aspetti della comunità scolastica a livello organizzativo. Riconoscendo che l'uguaglianza e l'equità non sono la stessa cosa, l'educazione multiculturale, tenta di offrire a tutti gli studenti un'opportunità equa dal punto di vista educativo, e al tempo stesso, stimolando gli studenti alla società critica nell'interesse della giustizia sociale.

Il percorso di alternanza SCUOLA LAVORO denominato SCHOOL OF ENTERPRISE è basato su un percorso didattico e psico-pedagogico al mattino con n. 4 ore di inglese imprenditoriale in aula professionalizzanti e propedeutici alle n. 4 ore che si attuano al pomeriggio al di fuori dell'aula durante le escursioni in luoghi che stimolano la creatività dei singoli studenti partecipanti a carattere innovativo dal punto di vista tecnologico, che utilizzando la lingua inglese come strumento di lavoro personalizzato e professionalizzante, traccia un percorso pedagogico che permette agli studenti di sentirsi già "dentro" il lavoro. 

Determinante il test di crea impresa https://test.progettoamcm.org/ proposto agli studenti all'inizio del loro percorso professionalizzante proposto e attuato dal Presidente AMCM che nella qualità di psicopedagogista curerà la loro formazione imprenditoriale anche attraverso un incontro frontale effettuato prima dell'inizio delle loro attività di PCTO che saranno coronate dall'Attestato finale rilasciato a ciascun studente per n. 43 ore di formazione con le abilità acquisite e caratterizzate da una votazione.
Infatti al pomeriggio, così come previsto dalla Legge 107/2015 di riforma della Scuola, il percorso didattico diventa professionalizzante, perché mette lo studente nelle condizioni psicologiche di essere a capo del proprio lavoro a carattere imprenditoriale, creando Lui stesso un vero e proprio Progetto di Impresa che potrà essere presentato alla Regione per accedere ai Fondi Strutturali del Fondo Sociale Europeo, attivando una attività imprenditoriale finanziata a fondo perduto per i giovani di età compresa tra i 18 e i 25 anni di età.
A coronamento di questo percorso didattico a carattere professionale, dopo un esame finale, sarà consegnato a ciascun studente:
1) Attestato di livello di conoscenza della lingua inglese professionalizzante raggiunti
2) Attestato di alternanza SCUOLA LAVORO ai sensi della Legge 2017/2015 con l'indicazione delle abilità acquisite in termini di esperienza di lavoro

COME SI PRESENTA IL PROGETTO DI IMPRESA

 

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

Il progetto è rivolto ai giovani che si affacciano per la prima volta al mondo del lavoro. A causa della complessità della produzione di beni e servizi, è probabile che questi giovani debbano affrontare una serie di sfide. Pertanto, illustrerò di seguito i passaggi necessari per la progettazione e l'attuazione di un progetto di piano aziendale.

 

L'IDEA

L'idea principale del progetto è quella di: Creare un nuovo prodotto utilizzando tecniche tradizionali, creare un nuovo servizio utilizzando tecniche tradizionali; Introdurre sul mercato un prodotto esistente utilizzando tecniche innovative; o Migliorare un servizio esistente in termini di efficienza e scelte a disposizione del consumatore.

Infatti nel corso dell'incontro iniziale con il Presidente AMCM viene puntualizzato agli studenti partecipanti al percorso di formazione d'impresa da svolgere a Malta o a Taormina che attraverso questa formazione per n. 43 ore dovrà emergere in ciascuno di loro l'IDEA PROGETTUALE da realizzare nel loro luogo di residenza quando rientreranno tenendo conto che per essere competitivi sul territorio bisogna avviare una attività imprenditoriale che non sia presente nel loro luogo di residenza, ma che sia utile sul territorio.

In questa fase, questa idea è ancora in corso e richiede ulteriori sviluppi. Per comprendere meglio l'idea alla base del progetto, spiegherò ora la logica e la procedura.

Il primo passo è identificare le risorse e la tecnologia che saranno necessarie per creare il prodotto o il servizio. Ottenere la conoscenza, l'esperienza e la tecnologia disponibili sul mercato è di fondamentale importanza. È anche importante valutare e identificare le caratteristiche del mercato, al fine di determinare la capacità del mercato di accogliere il nuovo prodotto o servizio; e valutare i concorrenti del mercato mediante analisi competitiva.

Una volta effettuata l'analisi preliminare del mercato, sarà quindi importante valutare la struttura dei costi e la redditività del prodotto in modo da poter identificare la strategia di prezzo. Se il costo/profitto e le analisi della concorrenza dimostrano che il costo del prodotto o del servizio previsto è superiore a quello dei nostri concorrenti, abbandoneremo l'idea. Se invece le analisi dimostrano che il prodotto o il servizio è redditizio, si procederà alle fasi successive, che sono la Pianificazione della Produzione e la Pianificazione degli Approvvigionamenti.

I passaggi sopra evidenziati fungono da guida per la progettazione e l'attuazione del piano aziendale. Il piano deve essere preparato e presentato

al fine di ottenere risorse ai sensi del DM 2.3 giugno 2012: 138.

Evidenzieremo ora le diverse fasi per la progettazione e l'attuazione del piano. In tal modo, verrà delineata una sequenza di 14 passaggi. Riteniamo che questi passaggi offrano una struttura chiara per chiunque sia interessato a progettare e implementare un piano aziendale.

INTRODUZIONE E PANORAMICA

In primo luogo, devi avere un'idea chiara del contesto in cui si colloca la tua idea progettuale nel mercato, tenendo in considerazione quanto segue:

 Quali altre aziende stanno commercializzando il tuo prodotto

 Se ci sono lacune nel mercato

 Come viene commercializzato il prodotto

 Il volume d'affari nel paese e/o nella regione di destinazione in relazione a quel settore

 La quota di mercato nel paese di destinazione per quel settore specifico

 Eventuali usi alternativi del prodotto

 I margini di profitto

 Gli indicatori economici più significativi per quello specifico settore, quali:

-Volume d'affari

-Livello delle importazioni

-Livello delle esportazioni

-Rapporto import/consumatore

-Rapporto export/fatturato

-Livello di occupazione

 

TEORIA DELLA PRODUZIONE E CONSEGUENZE DELL'INIZIATIVA

Una delle fasi preliminari alla stesura di qualsiasi business plan è la valutazione dei fattori ambientali e dei loro effetti. Per comprendere meglio l'importanza di questo passaggio, procederemo ora per mezzo di esempi. Il metodo che stiamo proponendo vuole servire da modello che può essere applicato in una varietà di aree di business. Useremo come esempio un progetto imprenditoriale all'interno del settore chimico che mira ad essere prodotto e commercializzato nel mercato chimico secondario.

Lo scopo delle aziende all'interno di questo settore è creare prodotti nei settori della salute e del benessere. Il filo conduttore tra tutti i produttori nel settore sanitario è fornire prodotti che aiutino i consumatori a prendersi cura della propria salute. Pertanto, ciò che vediamo è una tendenza globale di tutti questi produttori a lavorare insieme, creando partnership esterne .

Il trattamento farmaceutico è diventato importante a livello globale e la domanda dei prodotti è universale. Di conseguenza, si può presumere che la domanda aumenterà man mano che i consumatori acquisiranno maggiore familiarità con i prodotti e che i consumatori diventeranno più aperti a nuovi prodotti. A questo punto, possiamo passare alla nostra analisi e ora analizzare il volume d'affari del prodotto sia a livello nazionale che europeo. Sarà utile anche stabilire se l'area in cui vogliamo far conoscere il nostro prodotto attrae finanziamenti per la ricerca, e in che misura. Dovremmo anche studiare le conseguenze della produzione dei nostri prodotti nel contesto esterno. Forse scopriremo che la fabbricazione del nostro prodotto sta stimolando l'interesse di altri produttori che operano negli stessi o simili settori. Alcuni operatori non produrranno in quel mercato a causa della bassa domanda interna e delle elevate barriere all'ingresso nel mercato. Pertanto, sarà importante studiare i rapporti di mercato che ci informano sull'evoluzione del mercato rispetto a quel settore e determinare se lo sviluppo di quel prodotto sarà più orientato alla commercializzazione o alla produzione.

Sarà quindi importante valutare se si dispone delle competenze tecnologiche necessarie e, in caso contrario, se è possibile ottenere le competenze necessarie per ottenere un vantaggio competitivo. Alla luce di questi rapporti dettagliati dovresti essere in grado di prevedere due cose: A) le attività commerciali per i prossimi tre-cinque anni e B) un periodo di tempo per affrontare eventuali ostacoli all'ingresso nel mercato.

Entro tre o cinque anni, possiamo ipotizzare due tipi di sviluppo:

 Progressione temporale

 Metodi

La progressione temporale riguarda le iniziative che dovranno essere opportunamente valutate in termini di tempistiche che tengono conto di fattori esterni, come il numero di ordini di prodotti e contratti con i fornitori. I metodi riguardano l'allocazione delle risorse materiali e immateriali per la produzione. Include anche eventuali valutazioni aggiuntive che saranno necessarie

nel corso del ciclo produttivo o economico, come investimenti speciali, vendite esclusive, concessioni o possibili fusioni con società più affermate che occupano mercati più ampi.

TEMPI DI SVILUPPO

Il programma si sviluppa nelle seguenti fasi:

FASE I

-Creare la società

-Acquisire le conoscenze necessarie

-Reclutare il personale di base, tra cui un amministratore e un dirigente finanziario

-Individuare o costruire l'impianto di produzione

-Ordinare l'attrezzatura necessaria

FASE II

- Installare le infrastrutture e le strutture

- Condurre test prestazionali sui macchinari

- Stabilire contratti con i fornitori di materie prime

- Coordinare il collaudo dell'impianto di produzione

FASE III

-Impostare l'impianto di produzione

-Mettere a punto le attrezzature e i macchinari

-Conservare le materie prime

-Conservare il prodotto finale

FASE IV

-Condurre analisi su un lotto di prova di prodotti

FASE V

-Produrre eventuali sottoprodotti (se possibile/se pianificato)

-Condurre test aggiuntivi, in base al feedback del cliente

Sarà necessario eseguire le fasi da I a V per determinare quanto segue:

TEMPO DI ENTRATA PRODUZIONE

Si consiglia di progettare un impianto sufficientemente versatile da accogliere la produzione di qualsiasi prodotto diversificato. Nei primi anni della tua produzione, ti consigliamo di produrre beni molto richiesti per ottenere un rapido ritorno sull'investimento. È inoltre consigliabile produrre beni che abbiano i margini di profitto più elevati. Le seguenti precondizioni aiuteranno a determinare se la produzione del prodotto è fattibile o meno.

Disponibilità di risorse finanziarie

Supponiamo che il costo di avvio della nostra attività sarà finanziato per il 60% da risorse interne e per il 30% da finanziamenti esterni.

Gli azionisti dovranno farsi carico delle seguenti spese:

a) Il costo della costituzione della società in Italia

b) L'acconto sul capitale sociale, maggiorato dei 3/10 del capitale se si tratta di società di capitali.

Si tratta di un anticipo sul finanziamento che può essere ridistribuito ai soci nel caso in cui la richiesta di finanziamento non vada a buon fine. Nel frattempo, il costo di costituzione della società non è rimborsabile e gli azionisti si assumono il rischio di eventuali perdite nonché eventuali costi di liquidazione nel caso in cui il progetto fallisca. Puoi anche considerare strade alternative per ricevere risorse finanziarie se la tua situazione è in linea con le condizioni espresse nel DM 23 giugno 2012 n 138. Questo disegno di legge ha notevolmente migliorato le risorse di investimento finanziario a disposizione dei giovani professionisti tra i 18 e i 25 anni, e ha cambiato alcune dei requisiti necessari per la costituzione di società a responsabilità limitata. (Da verificare) Lo statuto e le norme per la creazione di società a responsabilità limitata non possono essere modificate. Devono inoltre essere coerenti con il diritto notarile. La Nota 6404 del Ministro dello Sviluppo (14 gennaio 2015) chiarisce le agevolazioni per la costituzione di società a responsabilità limitata.

Dovrai sostenere i seguenti costi, indipendentemente dal fatto che si tratti di capitale in prestito o di proprietà:

-10% del costo dell'impianto

-esborso IVA relativo all'impianto

-Spese del personale

-Il costo delle operazioni correnti non finanziate dalla legge

-I costi del pagamento degli interessi sui prestiti a tassi agevolati.

Pochi, se non nessuno, soddisferanno questo requisito finanziario iniziale. Per questo motivo, è importante esplorare eventuali incentivi economici disponibili. Tieni presente che durante i primi tre anni di attività, una delle tue priorità dovrebbe essere quella di rimborsare eventuali fondi presi in prestito per avviare l'attività. Considera anche che eventuali fondi presi in prestito dalle banche non saranno soggetti alle normali commissioni di interesse perché il tuo progetto è coperto

Disponibilità tecnologica

Stimate il costo per l'acquisizione delle risorse tecnologiche e delle competenze necessarie per il vostro progetto.

DOMANDA DI MERCATO

L'analisi di mercato è un altro passo importante nella creazione del tuo business plan. Dovresti sempre valutare il potenziale di vendita e la domanda per il tuo prodotto. Questo processo è astratto, perché il tuo prodotto non è ancora stato creato, ma necessario. Fonti alternative dovrebbero guidarti nella preparazione di questo rapporto.

VANTAGGIO COMPETITIVO

Dovresti esaminare il livello del margine di profitto lordo, valutando le seguenti condizioni:

-Rapporto tra gli investitori del programma

-Rapporto tra investitori e fornitori

-Rapporto tra gli investitori e le altre società

-Rapporto tra investitori e clienti

Dovresti coinvolgere una società di ingegneria esterna che sia professionale e altamente specializzata nel tipo di impresa commerciale che stai perseguendo. Inoltre, verifica di disporre dell'attrezzatura, dei materiali e delle strutture fisiche corretti e delle competenze necessarie per costruire l'impianto. Accertarsi del costo per ottenere eventuali tecnologie emergenti o dispositivi innovativi; e ottenerli, se possibile.

OBIETTIVO

Crediamo che una partnership tra giovani imprenditori e persone esperte sia essenziale per il successo di qualsiasi progetto di queste dimensioni. Mentre il finanziamento è assegnato solo ai giovani imprenditori attraverso l'iniziativa, i partner più anziani saranno essenziali per fornire il know-how e le reti commerciali di fornitori e venditori.

Per avere successo, dobbiamo valutare lo stato di quanto segue:

-Esperienza diretta nel settore

-Conoscenza di nuove tecnologie e contesti

-Le differenze tra vecchie e nuove tecnologie

-Conoscenza del diritto brevetti nazionale

 

 

ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA

Dopo queste fasi iniziali, parleremo ora della vera e propria creazione del progetto. Occorre innanzitutto tener conto che l'organizzazione deve essere costituita da strutture le cui unità sono responsabili di compiti specifici. L'organizzazione deve redigere Organigrammi che designino funzioni specifiche per ogni ruolo. Le informazioni relative agli aspetti tecnologici dell'azienda dovrebbero essere limitate a un numero ristretto di personale aziendale.

In questa prospettiva, dipendenti, consulenti, impiegati, non devono mai avere il quadro generale e completo del progetto (è chiaro che se il progetto è quello di realizzare prodotti a bassa tecnologia, discorsi del genere potrebbero sembrare oltremodo sproporzionati, ma non per progetti da ad alto contenuto tecnologico innovativo, come da DM 23 giugno 2012, n.138. Inoltre, se l'azienda opera con grandi marchi a livello nazionale o internazionale, sarà importante designare un account manager con il background tecnologico necessario per fare si occupa di giocatori chiave.

Ancora una volta, dovresti sempre valutare l'affidabilità dei tuoi partner finanziari, non solo la loro disponibilità. Dovresti anche stabilire sempre dei parametri di riferimento per la strategia di mercato:

-Saranno basati sulla collaborazione di mercato o esplorerete nuove aree di mercato? Se si può stabilire un legame diretto tra produttori e consumatori, noi

concentreremo i nostri sforzi sulla produzione piuttosto che su strategie di marketing elaborate.

Pertanto, è assolutamente importante stabilire quanto tempo ci vorrà per portare il prodotto sul mercato.

PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA, POSSIAMO AVERE LE SEGUENTI DOMANDE

Cosa dobbiamo fare? Per rispondere a questa domanda, fare riferimento alla sezione “Sviluppo e pianificazione delle attività”

Cosa dobbiamo fare?

Dove lo faremo?

Valutare la convenienza del luogo, le condizioni dell'infrastruttura primaria e le reti fisiche disponibili. Con chi lo faremo? Sapere chi scegliere come collaboratori, tecnici e operai può essere problematico, ma può essere accertato con relativa facilità. La scelta dei titolari dei partner di know-how è la scelta più importante e da questa dipenderà il successo e la domanda di ammissione e soprattutto il successo dell'attività.

MISURE PREVENTIVE E PRECAUZIONALI

Le misure necessarie per garantire il successo dell'iniziativa variano per genere e argomento. Si è detto che queste nuove iniziative sono disponibili in aree specifiche del settore, dove è garantito un servizio collaterale ma la fattibilità produttiva ha un'incidenza minore. Pertanto, dovresti valutare se il luogo per il quale verrà approvato il tuo investimento è vantaggioso dal punto di vista commerciale. Ad esempio, si consideri la disponibilità di lavoratori qualificati e qualificati. Trovare manodopera qualificata è difficile soprattutto nelle aree con poca o nessuna tradizione industriale. Lo stesso vale per i servizi diretti e indiretti. È inoltre opportuno valutare la disponibilità diurna di energia elettrica e risorse idriche. Inoltre, non possiamo trascurare di valutare il costo del rispetto delle normative ambientali che è un fattore enorme dell'immagine dell'azienda.

È inoltre da valutare che un insediamento in località già opportunamente attrezzate industrialmente facilita ancor di più la realizzazione dell'iniziativa da un punto di vista 'ecologico', se la produzione del prodotto può causare problemi in tal senso. Un altro aspetto precauzionale è riconoscere l'immagine dell'iniziativa e dire come e quando questa influirà sulle performance aziendali. L'iniziativa »Immagine etica» è pensata per i giovani per stabilire partenariati con se stessi.

CONCORRENZA DIRETTA E DI MERCATO

Potresti iniziare guardando le aziende leader nel tuo settore situate nella tua regione/paese di destinazione e determinare le quote di mercato e la crescita del tuo prodotto. In primo luogo, è importante identificare rapidamente i concorrenti (per prodotto e mercati di vendita). Quindi, valuta se la domanda del prodotto è distribuita geograficamente. Dopodiché, controlla se ci sono nell'area di azione delle aziende che lavorano nel settore che ti interessa. Infine, prova a stimare il consumo annuo di prodotto a livello regionale e nazionale.

SUCCESSO DELL'INIZIATIVA

Il successo dell'iniziativa dipende da molti fattori. Tuttavia, riteniamo che dopo l'approvazione del finanziamento governativo, la tua azienda avrà più successo se possiede le seguenti caratteristiche: - Elevate capacità e capacità produttive - Possibilità di produzione alternativa - Attività alternative - Controllo sulla ricerca tecnologica e sull'innovazione - Controllo sulla domanda del mercato - In grado di riprogettare in modo efficiente la produzione, quando necessario. - Sono disponibili molti tecnici qualificati ed esperti - Collegati a grandi gruppi e aziende che condividono i loro interessi

- In grado di adattarsi alle mutevoli esigenze - In grado di controllare le attività promozionali - Attività e responsabilità centralizzate - Immagine di affidabilità e affidabilità.

APPROVVIGIONAMENTO MATERIE PRIME

E' importante coltivare un rapporto diretto e personale con i fornitori di materie prime e disporre di reti economiche, commerciali e amministrative efficienti. In alcuni casi, una buona tecnica di reperimento consiste nella diversificazione delle fonti.

STOCCAGGIO MATERIE PRIME

È importante tenere in considerazione le situazioni politiche ed economiche dei paesi coinvolti nelle attività commerciali quando si decide dove stoccare le materie prime, soprattutto se queste vengono importate dall'estero.

La scelta di dove stoccare i prodotti finiti e semilavorati deve tenere conto delle specifiche contingenze, tra cui: - Adempimento contrattuale con i clienti; - Garanzie richieste; - Garanzie che riuscirai ad ottenere; - Forme commerciali di pagamento. È noto che gli squilibri interni hanno determinato eccedenze di magazzino o totale mancanza di prodotti per le imprese. Molti addetti ai lavori, come i broker, lo sanno attraverso la loro mediazione con le parti interessate. Questa conoscenza privilegiata è fondamentale e può influenzare lo sviluppo, la sopravvivenza o il fallimento di un'azienda. Dovremmo anche valutare se la produzione ipotizzata nel progetto fa uso quotidiano di prodotti. Inoltre, dobbiamo prendere decisioni quotidiane riguardo ai materiali che sono influenzati dal tempo e dal clima e utilizzarli di conseguenza.

SCELTE TECNICHE PRODUTTIVE

Bisogna determinare:

-Le quantità annuali

-La precedenza dei prodotti, se ce ne sono diversi

-I prodotti di magazzino giornalieri che possono essere utilizzati per le alternative

-I mercati

-La qualità dei prodotti

CARATTERISTICHE DELL'AREA OCCUPATA

Anche in questo caso si tiene conto di: - mq coperti;

- Mq esterni; - Strade interne; - Accessi; - Funzionalità ecologica; - Riserve di energia; - Stato dell'acqua; - Sicurezza

ASPETTI FINANZIARI

Per determinarlo occorre stabilire: - L'investimento complessivo; - I costi di funzionamento per almeno tre anni; - Il fatturato previsto per lo stesso periodo;

VALUTAZIONE COSTI BENEFICI

- Deprezzamento e ammortamento; - Il rapporto tra oneri finanziari e capitale circolante - L'utile netto atteso per gli esercizi considerati; - I flussi di cassa; - Le fonti di finanziamento; - Investimenti finanziari.

ASPETTI COMMERCIALI

Ogni iniziativa imprenditoriale che intenda avvalersi di agevolazioni fiscali deve essere informata: - Quali sono i prezzi degli input sul mercato; - Quali aziende sono potenziali clienti.

Devi quindi stabilire un piano temporale che tenga conto di: - Emettere ordini; - L'inizio del pieno regime di produzione. -Documentazione tecnica contabile e finanziaria da allegare al progetto (il punto 6 dell'art. 5 del DL lo indica molto chiaramente)

- Un chiaro piano dei costi e dei ricavi stimati relativi a ciascuno dei tre anni successivi alla domanda; - Un piano di equity per i primi tre anni successivi alla presentazione del progetto; - L'analisi dei flussi di cassa. A) Il conto economico, che potrebbe consentire una previsione della società per un periodo di almeno tre anni in termini di costi e ricavi. B) Lo stato patrimoniale - Completato il conto economico previsionale si procederà alla costruzione delle stime di bilancio. Essi terranno conto almeno degli elementi indicati negli articoli 2424 e 2425 del codice civile. D) Studio dei flussi di cassa - Sulla base delle informazioni di bilancio ottenute con le procedure sopra descritte, si dovranno ricostruire e sintetizzare i movimenti del conto per evidenziare le categorie che indicano incrementi e diminuzioni di cassa. Sarà quindi possibile collegare il saldo iniziale con il saldo finale. E) Esempio di sviluppo di previsioni e rendiconti finanziari È difficile descrivere a parole il metodo dietro la preparazione di un flusso di cassa. Di seguito, pertanto, viene illustrato e riportato lo sviluppo di un piano triennale, comprensivo delle tre dichiarazioni previsionali e dei relativi flussi di cassa.

CONCLUSIONI  

Un test di valutazione iniziale sulla creatività che vi sarà esposto dal Presidente AMCM Dott. Prof. Letterio Mariano Vincenzo Campolo, nel corso dell’Incontro effettuato personalmente con Lui, volto a indirizzare psicologicamente gli studenti del triennio delle scuole superiori a trovare all'interno del proprio essere le capacità creative insite all'interno di ciascun studente e tirarle fuori per  realizzare durante il percorso didattico di PCTO (ex alternanza scuola lavoro) il proprio progetto di impresa che rientrando in Italia potranno presentare presso le Regioni di appartenenza per accedere ai finanziamenti comunitari a fondo perduto previste dalla Imprenditoria giovanile per i giovani di età compresa tra i 18 ed i 25 anni di età. Sarà cura del  Presidente AMCM Dott. Prof. Letterio Mariano Vincenzo CAMPOLO offrire a loro gratuitamente la partnership che gli permetterà di presentare il Progetto di Impresa finalizzato ad ottenere i finanziamenti previsti.

In questa ottica chiara e limpida, lo studente che sta frequentando si potrà rendere conto delle sue capacità inerenti alla creatività insita in ciascuno di Noi e scegliere cosa fare della propria vita


OBIETTIVI FORMATIVI COMUNI A TUTTI GLI ORDINI DI SCUOLA

ISTITUTI COMPRENSIVI : STUDENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA SECONDO CICLO (3^, 4^, 5^ ELEMENTARE)  e SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1^, 2^, 3^ MEDIA)

BIENNIO ISTITUTI SUPERIORI TUTTI GLI INDIRIZZI SCOLASTICI (1° e 2° classe superiore)

TRIENNIO ISTITUTI SUPERIORI TUTTI GLI INDIRIZZI SCOLASTICI (3°, 4° e 5^ classe superiore)

La formazione del cittadino multikulturale è il cardine del Progetto Internazionale Multikulturalità AMCM che ha l’obiettivo di preparare gli studenti affinché conseguano:

  1. una conoscenza avanzata delle discipline sociologiche;
  2. una conoscenza avanzata delle problematiche della multiculturalità e del pluralismo culturale;
  3. competenze metodologiche avanzate relative all’analisi del funzionamento delle società complesse, con particolare riguardo alle tematiche del pluralismo culturale e della sua gestione politica;
  4. avanzate conoscenze sull’identità storica e culturale;
  5. autonome capacità di ricerca nel settore della storia nonché nei campi di indagine sull’incidenza culturale e sociale nella società contemporanea;
  6. competenze specifiche riguardo all’analisi avanzata degli effetti sociali e culturali dei processi di globalizzazione.                                         FINALITÀ ITINERANTI DEL PROGETTO                                                                                                                                                                                              Il progetto AMCM si attuerà attraverso AZIONI condivise che si muovono in simbiosi tra loro allo scopo di:
  1. promuovere la cittadinanza attiva dei giovani;
  2. sviluppare l’apprendimento multiculturale;
  3. favorire la comprensione reciproca tra i giovani di paesi diversi;
  4. contribuire allo sviluppo globale del progetto AMCM;
  5. favorire la cooperazione mondiale nel settore del lavoro scolastico;
  6. Contribuire alla multiculturalità attraverso il rispetto delle altre culture;
  7. Condividere gli obiettivi espressi nella presentazione del progetto.

FASI PROGETTUALI ITINERANTI

  1. Formazione gratuita, resa da A.M.C.M. ASSOCIAZIONE MULTI CULTURALE MONDIALE a tutti gli Studenti e Docenti e Dirigenti Scolastici  di ogni Istituzione Scolastica di ogni Ordine e Grado Aderenti  gratuitamente al Progetto Internazionale Multikulturalità AMCM , Questo progetto di formazione multikulturale tenderà, quindi a promuovere la conoscenza tra gli studenti di tutto il mondo che sceglieranno di aprire il dialogo multiculturale, con altri studenti provenienti dai vari Paesi del mondo.
  2. Il Progetto si attua e si realizza attraverso tre fasi significative che si muovono in simbiosi tra di loro ed è rivolto a tutti gli studenti, docenti e dirigenti scolastici delle istituzioni scolastiche d’Italia aderenti al Progetto Internazionale Multiculturalità A.M.C.M.

1^ FASE: Formazione multimediale al dialogo multiculturale per studenti, docenti, dirigenti scolastici e DSGA direttori servizi Generali e amministrativi. Gemellaggi tra scuole partner del progetto  internazionale multikulturalità rilasciato da AMCM Associazione Multi Culturale Mondiale anche attraverso aggiornamenti itineranti agli USR e USP territoriali ed alle Istituzioni Scolastiche di ogni ordine e grado.

2^ FASE: Stage settimanale di formazione multikulturale con l’obiettivo di mettere in pratica l’ “andare incontro” a quanto acquisito teoricamente nelle fasi precedentemente enunciate.

3^ FASE: Meeting Internazionale Multikulturalità ANNUO di verifica del lavoro svolto e programmazione per l’anno scolastico successivo che si svolgerà annualmente, che si terrà nel corso dell'annuo Meeting Internazionale Multikulturalità AMCM che questo anno si terrà a Messina nel Salone delle Bandiere dal 10 all'11 maggio 2024.

I contenuti di lezione potranno essere personalizzati all’indirizzo di studio della Scuola:

  1. Per gli Istituti Superiori sono previsti percorsi didattici specialisti e innovativi dal punto di vista tecnologico, in quanto fondati in sull’apprendimento e/o potenziamento della lingua inglese svolta in forma specialistica attraverso programma personalizzato all’Indirizzo di Studi degli studenti del biennio degli Istituti Superiori partecipanti e arricchito da percorso formativo per il triennio in forma di tirocinio pratico di alternanza SCUOLA LAVORO con attestazione specifica rilasciata a ciascuno degli studenti partecipanti, a cura del Direttore della Istituzione e dell’Azienda maltese, inerente alle abilità acquisite da ciascun studente, che rientrando in Italia, lo studente potrà utilizzare come esperienza di lavoro richiesta per l’assunzione da parte di numerose aziende italiane, per n. 40 di formazione di Crea Impresa a Malta e/o  Taormina .
  2. A partire da quest’anno scolastico il percorso di alternanza SCUOLA LAVORO denominato SCHOOL OF ENTERPRISE per gli Istituti Superiori è basato su un percorso didattico e psico-pedagogico al mattino a carattere innovativo dal punto di vista tecnologico, che utilizzando la lingua inglese come strumento di lavoro personalizzato e professionalizzante, traccia un percorso pedagogico che permette agli studenti di sentirsi già "dentro" il lavoro.
    Invece al pomeriggio, così come previsto dalla Legge 107/2015 di riforma della Scuola, il percorso didattico diventa professionalizzante, perché mette lo studente nelle condizioni psicologiche di essere a capo del proprio lavoro a carattere imprenditoriale, creando Lui stesso un vero e proprio Progetto di Impresa che potrà essere presentato alla Regione per accedere ai Fondi Strutturali del Fondo Sociale Europeo, attivando una attività imprenditoriale finanziata a fondo perduto per i giovani di età compresa tra i 18 e i 25 anni di età.
    A coronamento di questo percorso didattico a carattere professionale, dopo un esame finale, sarà consegnato a ciascun studente:
    a)Attestato di livello di conoscenza della lingua inglese professionalizzante raggiunti rilasciato da ESaT a Malta che è l'unico ente accreditato a Malta a rilasciare attestati riconosciuti dal MIUR Ministero dell'Istruzione e pubblicato sulla piattaforma del MIU tra gli Enti Accreditati a livello internazionale e Malta e Babilonia School of English a Taormina riconosciuta a livello internazionale.
    b)Attestato di alternanza SCUOLA LAVORO ai sensi della Legge 107/2015 con l'indicazione delle abilità acquisite in termini di esperienza di lavoro per n, 43 ore di formazione certificate ai sensi di Legge
    Il Programma giornaliero dettagliato di Crea l'Impresa e/o Multikulturalità potrà essere variato in base alle specifiche esigenze di ciascuna Istituzione Scolastica tenendo conto dell'indirizzo scolastico di ciascun Istituto Superiore.
  3. L'innovazione tecnologica di questo percorso fonda la sua ragion d'Essere nel test di crea impresa iniziale ove gli studenti compileranno una scheda on line e risponderanno alle varie domande utili al testista di rilevare le capacità imprenditoriali dal punto di vista della creatività assegnando conseguentemente un punteggio arricchito dal percorso di PCTO effettuato sia a Malta che a Taormina

4) Per gli Istituti Comprensivi sono previsti programmi di apprendimento e/o potenziamento su percorsi multiculturali specifici che saranno valutati da un test di accesso a livello individuale che permetterà di inserirsi nel corso più consono al suo livello di partenza per raggiungere alla fine un livello superiore con il relativo rilascio dell’attestazione finale. Durante le escursioni sia a MALTA che a TAORMINA la guida sarà in lingua inglese ed avrà cura in base alle proprie competenze di spiegare gli aspetti culturali, storici e geografici in forma interdisciplinare con la storia, musica, geografia, letteratura.

5) Per gli Istituti di Scuola Primaria del secondo ciclo sono previsti programmi di apprendimento e/o potenziamento su percorsi multiculturali specifici a carattere ludico secondo il Metodo Montessori che maggiormente risponde alle caratteristiche di questa età. I test di accesso a livello individuale che permetteranno di inserirsi nel corso più consono al suo livello di partenza per raggiungere alla fine un livello superiore con il relativo rilascio dell’attestazione finale. Il percorso didattico personalizzato sarà arricchito dalle escursioni multikulturali inserite a pieno titolo nel programma di lezione.

Da questo anno scolastico 2023-2024 sarà presente sia a Malta che a Taormina un Tutor per 24 ore al giorno opportunamente formato da AMCM che risponderà ai bisogni itineranti in tempo reale di studenti, docenti e dirigenti scolastici

FINALITÀ GENERALI

DURATA Descrizione dell’arco temporale nel quale il progetto si attua indicando preferibilmente le fasi temporali del percorso, destinatari e il loro numero previsto

DESTINATARI STUDENTI – DOCENTI – DIRIGENTI SCOLASTICI - DSGA di ogni Istituto Scolastico d’Italia Aderenti e Istituzione Scolastiche facenti parte della Rete delle Istituzioni Scolastiche Capofila territoriali. Ogni incontro sarà caratterizzato da alunni diversi, portati avanti in itinere tramite incontri frontali da effettuarsi in orario curriculare o extracurriculare. La durata del Progetto, così come programmato, sarà itinerante.

RISORSE UMANE: Psicopedagogisti Multiculturalità AMCM- Pedagogisti formatori Multiculturalità.- Segretariato di comprovata esperienza documentata.- Esperti internazionali di multiculturalità .- DS Dirigenti Scolastici formati Manager Multikulturali AMCM- DOCENTI che avranno il compito di trasmettere in Italia i valori della Multikulturalità AMCM attraverso il valore comune condiviso che è l’Amore tra i Popoli del Mondo che è il cardine del Progetto Internazionale Multikulturalità AMCM. Dirigenti Scolastici capofila territoriali con lo scopo di promuovere il progetto in tutte le istituzioni scolastiche della loro Provincia. Anche gli UST hanno designato un funzionario referente che interagisca tra AMCM e le Istituzioni Scolastiche per il pieno raggiungimento di obiettivi e finalità del Progetto Internazionale Multikulturalità AMCM.

SCOPO DELL’ESPERIENZA L’esperienza si prefigge i seguenti scopi

  1. Incontro. Gli studenti avranno la possibilità di incontrare, attraverso la mediazione delle Istituzioni Partner internazionali, giovani e studenti dei vari Paesi del Mondo, per condividere esperienze, attese e difficoltà presenti nella loro reciproca situazione.
  2. Multikulturalità per allargare gli orizzonti. Gli incontri con persone “altre” per cultura, storia e situazione sociale contribuirà ad allargare gli orizzonti degli studenti oltre i confini provinciali della nostra nazione, aprire la mente, riconoscere i nostri stereotipi propinati dai mass media, spesso in modo unilaterale. L’incontro con il “diverso” e il suo punto di vista, è sempre una sfida che decostruisce il nostro immaginario, destabilizza le nostre certezze e aiuta a conoscere maggiormente noi stessi. Si spera in questo modo di ingenerare delle dinamiche multiculturali tra i giovani per degli incontri che arricchiscono vicendevolmente. La mediazione e collaborazione dei vari partner internazionali, che operano con il loro ineguagliabile carisma in tutto il mondo, sarà indispensabile in tutto questo.
  3. Crescere nel rispetto dell’altro. Capire la multiculturalità come un processo dinamico di incontro, come pedagogia delle relazioni e come disponibilità a relativizzare sempre il proprio punto di vista, l’ascolto, l’umiltà, l’empatia e i decentramento narrativo.
  1. VERIFICHE ITINERANTI:
    • I partecipanti dovranno diventare dei catalizzatori per formare tra gli studenti dei gruppi di interesse all’interno delle rispettive scuole e continuare a riflettere sui temi della multiculturalità fondata sul rispetto delle culture fondate su usi, costumi e tradizioni popolari.
    • Le varie scuole saranno invitate ad organizzare degli incontri per narrare e condividere l’esperienza fatta con tutta la compagine degli studenti o attraverso visite nelle classi.
    • Studiare con i docenti interessati in forma interdisciplinare o multidisciplinare come valorizzare i vari ambiti dell’esperienza nell’insegnamento curriculare delle materie scolastiche come geografia, storia, etica, sociologia…;
    • Continuare a mantenere dei rapporti con gli studenti incontrati.
    • Continuare a mantenere dei rapporti fra studenti e docenti d’Italia.

    • A CHI E’ RIVOLTA L’ESPERIENZASTUDENTI – DOCENTI – DIRIGENTI SCOLASTICI - DSGA. Il gruppo dei partecipanti alla formazione sarà accompagnato da un Tutor sul luogo che sarà di riferimento a studenti e docenti per 24 ore al giorno.

DOVE SI FARA’ L’ESPERIENZA

L’esperienza di formazione-stage di Istruzione si farà nei luoghi che sono culla della multiculturalità mondiale

LOGISTICA: VITTO E ALLOGGIO

L’organizzazione omnicomprensiva sarà a cura dei Partner Internazionali affinché si abbia la migliore qualità e la più alta professionalità.

FORMAZIONE: L’esperienza non è una semplice , esige preparazione e coinvolgimento intensi. La formazione all’esperienza non si ridurrà alla trasmissione di contenuti teorici, dovrà ingenerare delle dinamiche di conoscenza e di gruppo altrettanto importanti.

GLI INCONTRI SARANNO MIRATI ALLA conoscenza reciproca tra gli studenti, i docenti, i dirigenti e il tutor accompagnatore; - formare una coscienza “di gruppo”. La coesione del gruppo risulterà un elemento fondamentale per la buona riuscita dell’esperienza ed evitare incomprensioni e disagi durante l’esperienza.

CONCLUSIONI

La Multiculturalità AMCM come ricchezza culturale dei Popoli del Mondo, attraverso questo Progetto, desidera porre la propria attenzione sul cittadino frutto della globalizzazione e cioè sul cittadino multiculturale. Infatti la programmazione ha posto il centro della propria attenzione ove gli studenti provenienti da tutto il mondo si incontrano e dialogano su valori comuni universali centrati sull’amore tra i popoli del mondo, come elemento comune condiviso che sta alla base di ogni rapporto umano, costituendo il punto cardine di questo Progetto Internazionale Multikulturalità. Pertanto, la formazione porrà la sua attenzione sull’AMORE (AGAPE) tra i popoli inteso come strumento didattico - pedagogico e come valore universale condiviso. Tale strumento, costituirà il fondamento su cui fa perno la programmazione itinerante del Progetto Internazionale Multikulturalità AMCM.

La didattica individualizzata, inserita a pieno titolo nella programmazione, costituirà lo strumento valido di interazione con questo Progetto, che sarà sviluppato autonomamente all’interno di ogni singola istituzione scolastica aderente, in rispetto alle esigenze territoriali. Pertanto, si specifica che queste Linee Progettuali, sono da ritenersi indicativamente generali e che le Istituzioni Scolastiche aderenti potranno adattarlo alle Loro esigenze territoriali, sia a livello di metodo che a livello tecnico-operativo.

Il lavoro scolastico svolto con professionalità quotidianamente sia da parte degli studenti che da parte dei docenti, dirigenti scolastici , utilizzando la lingua inglese comune a tutti i popoli del mondo, sarà il comune denominatore a tutte le Istituzioni Scolastiche partecipanti, che afferendo al Centro Studi AMCM dell’Associazione Multi Culturale Mondiale, riceveranno in dotazione per ogni singola classe il relativo materiale didattico-formativo, nel corso dell’anno scolastico. Il Progetto ha come obiettivo quello di contribuire ad individuare un modello italiano di cittadino multiculturale che si sappia muovere senza nessun problema di ‘adattamento’ all’interno del globo. A questo scopo i partner AMCM, hanno avviato,  le procedure per portare avanti un Protocollo d’Intesa Internazionale. Il Centro Studi AMCM alla luce delle migliori esperienze attuate dalle ricerche condotte dall’Associazione AMCM che opera magistralmente nelle numerose scuole italiane aderenti fin dal 1997 (Anno di costituzione dell’Associazione Nazionale Autonoma con Personalità Giuridica registrata all’Anagrafe del Ministero delle Finanze e riconosciuta), ha istituito nel corso del meeting internazionale Multikulturalità AMCM  un Partenariato Internazionale Multikulturalità AMCM, allo scopo di portare avanti gli obiettivi e le finalità del Progetto Internazionale Multikulturalità AMCM, tra i Paesi del Mediterraneo e non. In particolare si vuole ripensare gli obiettivi e le modalità dell’educazione alla cittadinanza mondiale in prospettiva multiculturale, che abbia come base comune a tutte le culture: il lavoro scolastico svolto con professionalità, affinché questo Progetto Internazionale Multiculturalità AMCM possa essere da stimolo all’azione didattica che si svolge quotidianamente. Articolare l’educazione multiculturale dal punto di vista della cittadinanza significherà rivedere, quindi, modalità di accoglienza degli alunni ‘immigrati’ in quanto tutti insieme siamo cittadini multiculturali della globalizzazione, e quindi, gli orientamenti concettuali, le politiche linguistiche, le attività didattiche, la struttura delle discipline, la formazione dei docenti, all’interno di questo Progetto saranno orientate a ciò. Essere “cittadini multiculturali” non è più una utopia. Infatti, a tal proposito, la programmazione di questo progetto di formazione alla “multikulturalità” ha luoghi multikulturali come Taormina, per formare gli studenti alla mondialità, attraverso una azione didattica imperniata su valori universali condivisi. In passato la “non-conoscenza” delle lingue straniere ha rappresentato una barriera culturale, un limite, oggi non è più così. Esistono infatti scuole specializzate con cui operiamo magistralmente e professionalmente da diversi anni, e, con cui sono stati instaurati rapporti di Partenariato Internazionale, allo scopo di rispondere adeguatamente alle esigenze programmatiche, che offrono attraverso gli stage proposti, anche corsi di formazione altamente qualificati, secondo le diverse esigenze, la possibilità di imparare le lingue. Per apprendere correttamente una lingua straniera, infatti non basta solo studiarne la grammatica e sintassi ma è necessario confrontarsi con essa, parlarla, e apprenderla da coloro che la vivono anche in ordine ai valori condivisi dagli obiettivi progettuali programmati con i Paesi partner che interagiscono con questo Progetto Internazionale Multiculturalità AMCM. Così sia gli studenti che vogliono perfezionare la pronuncia e acquisire maggiore padronanza di conversazione sia gli adulti (docenti, dirigenti) che necessitano di apprendere la lingua inglese a Malta o a Taormina, potranno frequentare corsi pensati per le loro esigenze, personalizzando il percorso attraverso forme di apprendimento e/o potenziamento delle abilità possedute. Infatti a ciascuno dei partecipanti sarà praticato un test di ingresso tale da misurare il livello di partenza ed un test finale attraverso un esame finale con rilascio del livello in ordine alle competenze professionali acquisite, dove saranno attestati gli obiettivi raggiunti e pertanto certificati a norma di Legge. La funzione della scuola inglese a MALTA o TAORMINA   è proprio quella di far interagire lo studente italiano con insegnanti di madrelingua che  troveranno altri studenti provenienti da altri Paesi del mondo ed essere quindi tutti insieme “cittadini del mondo”, inseriti nel livello più idoneo alla loro preparazione di base. Ci sono diverse tipologie di corsi (dal livello base a quello avanzato) che aiutano lo studente a costruire un percorso di studi multiculturali attraverso gli stage pedagogico all’Estero, portandolo a impadronirsi degli strumenti della lingua straniera, raggiungendo una notevole padronanza nel conversare. Gli obiettivi e le finalità di questo Progetto “Universale” pongono la loro azione programmatica sul lavoro scolastico svolto quotidianamente a scuola affinché sia eseguito straordinariamente bene. L’azione programmatica di questo Progetto Internazionale Multikulturalità AMCM sarà diretta e coordinata: in Italia dal Presidente AMCM Dott. Prof. Letterio Mariano Vincenzo Campolo insieme alla sua equipe pedagogica. L’azione programmatica pone come obiettivo comune a tutti i popoli del mondo il lavoro scolastico svolto con professionalità, come valore comune condiviso, basato sull’amore tra i popoli del mondo, come valore universale. I 17 (diciassette) Meeting Internazionali Multikulturalità AMCM svoltosi dapprima a Malta e dal 2019 a Taormina da 5 anni e nel 2023 nuovamente a Malta  hanno permesso di aprire un dialogo costruttivo tra le Istituzioni dei Paesi presenti a Malta: Italia, Malta, San Marino, Tunisia, Stati Uniti d’America, Cina, Francia, Libia, Ucraina, Turchia, Spagna, Ecuador, Brasile, Unione Emirati Arabi, Giappone, Korea, Qatar, Polonia, Egitto, Canada, Regno Unito, Germania, Arabia Saudita, Svizzera, Danimarca, Islanda, Irlanda, Olanda, Romania, Albania, Bosnia, Slovenia, Marocco, Repubblica Democratica del Congo, Kenya, Australia. La scelta di apertura alla Multikulturalità ha centrato la sua attenzione al principio su Malta , perché il passato storico dei Cavalieri di Malta è noto e puntualizzato all’interno della Con-Cathedale di San Giovanni, ove si possono notare 8 altari diversi, pari alle 8 punte della croce di Malta, ove i Cavalieri provenienti da 8 nazioni diverse di religione e di cultura, usavano pregare ognuno nel proprio altare secondo il loro rito, ma alla fine si riunivano tutti insieme in un unico altare e pregavano tutti insieme per l’Amore tra i Popoli del Mondo.  E successivamente adesso su TAORMINA culla della Sicilia e del MEDITERRANEO con la splendida Città di Messina posta sullo Stretto di Messina che apre all'Oriente e culla dei Cavalieri di San Giovanni di Gerusalemme si fermarono a Messina presso il Gran Priorato dei Cavalieri di Malta, prima che il Re di Spagna Carlo V gli assegnasse Malta, divenendo coì Cavalieri di Malta.  Il cittadino laico non è colui che non crede in nulla, ma è il cittadino che crede nei valori del bene comune, ecco perché la scuola italiana è definita laica. A tal proposito, la programmazione del Progetto Internaziona